venerdì 1 marzo 2013

stoccolma #1

Se New York è una ragazza ribelle che se ne è andata di casa a diciott'anni per inseguire chissà cosa, Stoccolma è una signora elegante e di buona famiglia, educata, composta, mai una parola fuori posto.
Buffo come due città così diverse mi piacciano così tanto. Anche se NY è NY, c'è poco da fare.
Nella capitale svedese siamo stati per la prima volta un anno e mezzo fa, d'estate (io a dire il vero l'avevo già visitata anni fa, per conto mio), perchè la Bionda impazziva per Pippi Calzelunghe e là, non so se lo sapete, esiste un meraviglioso museo dedicato ad Astrid Lindgren (la sua autrice) e alle sue fiabe.
Siamo partiti attrezzati come se dovessimo affrontare una spedizione al Polo Nord per poi scoprire, ovviamente, che i -3 svedesi si percepiscono molto meno dei +5 umidicci della pianura padana.
Appena atterrati, la Bionda ha pensato subito di mangiarsi un bel cono gelato in mezzo alla neve, mentre aspettavamo il bus per la città, perchè alla vista di tutta quella neve le era venuta voglia di panna. Va beh.
Cosa amo degli svedesi: sono easy. Prendono tutto con calma e nonostante questo sono efficientissimi. Stoccolma è una città trafficata ma non troppo, dove nessuno suona il clacson, nè mostra di avere particolarmente fretta. Ho assistito a scene di taxisti che aspettavano pacifici che l'ingorgo di risolvesse, senza battere ciglio. E ho sorriso, pensando a quando un paio di mesi fa sono stata a Roma e il taxista di turno, scocciato per via di un passante che se la prendeva un pò troppo con calma, mentre era letteralmente attaccato al clacson ha proferito la seguente frase:"embè, guarda che se nun te movi te pijo proprio e faccio 'na stragggggge". Che ridere, mi sono immaginata lo svedese in gita in Italia. Chissà le risate che si fanno, per certe scene che vedono qui.
Gli svedesi non appena vedono che ti stai anche solo avvicinando alle strisce pedonali, rallentano. Potresti attraversare anche senza guardare e stai sicuro che nessuno ti metterebbe sotto. La Bionda camminava per strada e attraversava senza dare la mano, per dire.

Le mamme svedesi, se devono fare una commissione in un negozio e il pupo dorme, lo lasciano beatamente fuori dal negozio. E non parlo di entrare al volo dal fornaio per prendere due panini, bensì di fare beatamente shopping in un qualsiasi negozio di abbigliamento, per dire. Roba che se lo fai da noi ne ritrovi cinque di bambini, oppure come minimo ti denunciano per abbandono di minori. La prima volta che ne ho visto uno ho chiamato Lui allibita e gli ho detto "Oddio, guarda, c'è un bambino dentro alla carrozzina! Dorme! Ed è da solo! E la madre? Ah, dev'essere quella che si sta provando quel paio di jeans in assoluta scioltezza.". Roba da matti.
Gli svedesi lavorano negli uffici (non tutti, ma in molti di quelli che ho visto) con le pantofole. Lasciano le scarpe sporche di nevischio all'ingresso e se ne stanno al pc con le antiscivolo, oppure con le babbucce di lana. Ora, io questa cosa l'ho trovata a dir poco fighissima, perchè lavori più rilassato, e quindi meglio. O no? :) A volte secondo me basta così poco.
I bambini, complice il freddo, sono tutti belli pasciuti, con le gote rosse e gli occhi chiari e l'aspetto sano: e te lo credo, dubito soffrano di inappetenza perchè quel freddo secco che ti taglia il naso ti fa venire una fame che la metà basterebbe. Sono meravigliosi (oddio, ho appena detto che i bambini sono meravigliosi. Rinchiudetemi.) mentre giocano avvolti nella loro tutona e col passamontagna, rotolandosi nella neve dei parchetti o sfrecciando sullo slittino.
Stoccolma in febbraio è la vera Stoccolma, con pochissimi turisti e il buio che arriva alle 5pm. Non molto prima rispetto all'Italia, a dire il vero.
Stoccolma in febbraio è una cartolina. Paesaggi così perfetti da sembrare finti. Grigio, bianco e nero. Macchie di colore date dai giochi per bambini e dai tram che viaggiano, silenziosi e puntualissimi. Dalle case, così austere e aristocratiche.
Stoccolma in febbraio ha il cielo gonfio di neve e un sole pallido che ogni tanto vedi nascosto fra le nubi e non esce mai.
Stoccolma, però, in primavera e in estate ti regala cieli blu, sole da impazzire fino a tarda sera e 20 gradi di media.
Non abbiamo preso la reflex  con noi, accontentandoci di iPad e macchina fotografica da battaglia.
Eccovi qualche foto.
Innanzitutto, volevo dirvi che questa volta abbiamo preso in affito un appartamento e non ce ne siamo pentiti affatto. Vi consiglio un sito affidabilissimo e molto, molto carino al quale ci siamo affidati per la scelta, grazie al consiglio di una mia cara amica: www.airbnb.com
Non é deliziosa? :-)
 

 
 
Se andate con dei bambini, portateli assolutamente qui. Io sono sopravvissuta per ben tre volte e questo mi pare un ottimo risultato.






Eccola qui, la città d'inverno. Non sembra di essere in una fiaba?














...come a SoHo ;-)


....presto vi posterò invece qualche scatto di una Stoccolma d'agosto di ormai due anni fa, con una piccola Bionda in versione quasitreanni :-)

9 commenti:

  1. Mi hai convinto!
    Il sito degli appartamenti è poi molto utile. Anche noi, preferiamo gli appartamenti agli alberghi, specialmente se c'è un bimbo. Abbiamo sperimentato a NY a Bordeaux, in Corsica e ci siamo sempre trovati bene.
    Proveremo anche qui.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che ti troverai bene: ottime soluzioni per tutte le tasche! :-)

      Elimina
  2. Stoccolma è una meta che mi manca e mi piacerebbe molto conoscerla! Un pò ho viaggiato con le tue foto! (bello il link per gli alloggi, me lo sono segnata!)

    RispondiElimina
  3. Stoccolma è stato il nostro primo viaggio in tre quando lo gnomo aveva 9 mesi e ci siamo divertiti davvero tanto! sarà che li si sono trasferiti i nostri migliori amici già da quattro anni ed era tanta la voglia di rivederli, sarà che era dicembre e c'era tanta neve e tante bellissime lucine, sarà che stare nella loro meravigliosa casetta di legno tutti insieme a ridere e giocare e il vederli finalmente felici e rilassati per la loro nuova vita mi ha riempito il cuore di felicità! Ora stiamo programmando di tornarci proprio in estate per conoscere la loro nuova bimba e godersi un po' della loro stagione più bella!

    RispondiElimina
  4. Oggi stavo giusto pensando ad una meta per le nostre vacanzine di agosto ... sono rimasta affascinata, ho bisogno di un po' sana educazione civica. Ora vado a dare un'occhiata al sito per vedere qualche appartamento!

    RispondiElimina
  5. Xche' ho gia' prenotato in montagna, altrimenti questa proposta d'agosto non era niente male. Sono stata a stoccolma nel 2000 e mi ers sembrata bella come venezia, un caro saluto ps: sai che invidio moltissimo la tua possibilita' di viaggiare cosi spesso? Sei brava, riesci a organizzarti bene e sembri mai stanca. Solo l'idea di portare le mie iene in giro mi fa passar la voglia...

    RispondiElimina
  6. Stoccolma e' molto bella sia d'estate che d'inverno ma certo per una prima visita con dei bimbi sicuramente con il caldo si possono fare molte più cose! Presto posterò foto del nostro primo viaggio la', ad agosto. Se volete qualche info più dettagliata mandatemi pure una mail! :-)

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia di posto...e in estate 20 gradi!!

    ciaoo!!

    RispondiElimina
  8. Devo proprio trovare un appartamento a Barcellona quindi vado subito a vedermi il sito!
    Bellissime le foto di Stoccolma comunque...

    NEW GIVEAWAY: Win a pair of glasses for you or your friend
    Perchè non partecipi? Ci saranno ben 7 vincitori :)
    Un abbraccio e buona settimana!

    RispondiElimina