martedì 5 febbraio 2013

di travestimenti e madonne

Sarò sincera, molto sincera. A me il Carnevale sta parecchio sulle palle. Sarà che non ho mai avuto un bel rapporto con i travestimenti in generale. Vogliamo partire dagli esordi? Sì, dài. Quando ero all'asilo, per la recita di natale io avrei sempre voluto fare la Madonna. C'era poco da fare, avevo le manie di protagonismo e volevo assolutamente il vestito bianco col velo azzurro. Ora, siccome tale ruolo era piuttosto ambito da tutte le bambine, la maestra aveva avuto questa brillante idea dell'estrazione del nome della prescelta. Ora, io sono praticamente certa che l'infame abbia sempre truccato la procedura, altrimenti non mi spiego come mai  per tutti e tre gli anni consecutivi sia stato estratto il nome della mia amica bionda con gli occhi azzurri. Perchè il fatto che io fossi pettinata come Cleopatra e che quindi cozzassi parecchio col personaggio era assolutamente irrilevante, vero? Eh??
Fatto sta che io ho fatto per tutti e tre gli anni l'angelo. Che sì, pure un angelocol caschetto c'entrava come i cavoli a merenda, ma certamente la suora avrà pensato: meglio angelo che Madonna. Cioè, la Madonna è la Madonna e con la guest star non si scherza.
Alle elementari non è certo andata meglio, anzi. Ogni anno, per cinque anni, stessa storia.
Io: "maestra, posso fare la Madonna?"
Lei: "no, tu fai l'angelo".
E sticazzi? Ho il sospetto che mia madre abbia a suo tempo contattato la maestra per dirle senta, noi c'abbiamo già il vestito da quando aveva tre anni, un bell'abito bianco con le stelline dorate attaccate sopra. Facciamo che io faccio aggiungere un pezzo di stoffa in fondo dalla nonna così siamo a posto fino ai dieci anni. Ok?
Che tristezza. Sono certa sia andata così.
Pochi mesi fa mio nonno mi ha fatto vedere il video di una mia recita delle elementari: si vede chiaramente il mio viso scocciatissimo che ripete per l'ennesima volta, per l'ennesimo anno, la stessa frase che era tipo "vi annuncio una lieta novella, è nato il salvatore. alleluja alleluja". Con un entusiasmo, ma un entusiasmo, che non vi dico. Avevo il vaffanculo lì, pronto per uscire.
Lasciamo perdere i veri travestimenti, per Carnevale. In quinta elementare mi ero voluta vestire da regina Maria Antonietta. Vi immaginate una col taglio alla Rosa Fumetto che si presenta con una parrucca COI BOCCOLI BIONDI? Uno scherzo della natura. Ogni tanto compare a casa dei miei questa foto inquietante di me con l'abito lungo azzurro, di quelli sintetici che dopo due minuti che l'hai addosso puzzi di cipolla, e la parrucca boccolosa. In posa seduta sulla base del camino, con le mani appoggiate sulle gambe, in tipica posa da gran ballo a corte. Ero anche molto soddisfatta, ma sono certa che mia madre abbia passato dei buoni quarti d'ora chiusa in bagno a ridere con la testa dentro al wc per non farsi sentire.
"Mamma, diobono ma come hai potuto permettere che io facessi una cosa del genere? Sembravo un fenomeno da baraccone"
"Beh però dai..tu eri così contenta...", mi risponde ogni volta, ridendo. Disgraziata.
Poi c'è stata quella volta credo in terza liceo in cui mi vestii da Morticia. Tre ore passate a girare per casa con una hennè nera in testa e la testa fasciata con della carta da forno. Inutile dire che passai tutta la sera della festa col terrore di sudare e vedermi colare righe nere su fronte e guance a mo' di Ugo Fantozzi quando va al colloquio di lavoro. Per non parlare delle unghie finte, che tempo mezz'ora e avevo seminato un pò dappertutto. Chiedo scusa a chiunque abbia trovato un micro oggetto di plastica nero e non ben identificato fra i pop corn. Era senza dubbio una mia unghia.
E comunque, quanto è vero iddio che io prima o poi mi vesto da Madonna, poi mi faccio una foto e l'appendo nella bacheca del mio ex asilo.

12 commenti:

  1. Bel racconto! Ma mi chiedo....perchè tutte ste recite con la madonna?? Noi manco una ne abbiamo fatta!! Che rottura si!

    E' partito un nuovo GIVEAWAY! Vinci un paio d'occhiali e 2 buoni da 30 dollari!
    Ti aspetto da me!!! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi sempre...asilo ed elementari! Era un must!
      Ora passo a trovarti.

      Elimina
  2. La mia mamma mi vestiva da rossella o hara e mi sembra ieri quando mi truccava e mi faceva il neo finto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ci vedo, vestita da Rossella :-)

      Elimina
  3. A me non facevano fare ne la Madonna ne l'angelo. Una volta mia madre mi travestì da cinesina ( non lontana dal tuo cashetto nero) e mi mise delle pantofoline rosse. Andando in giro un ragazzino mi guardò i piedi e disse alla mamma che portavo le pantofole.
    Da allora non solo non mi maaschero, ma vado pure scalza.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahahahaha ma nooo!!! Immagino la tua faccia! Dio che ridere, povera bimba Raffaella... ;-)

      Elimina
  4. AHAHAH! Mi hai fatto ridere sino alle lacrime!! Voglio vedere le foto!
    E mi hai fatto venire in mente che alle elementari (fatte dalle suore, ndr) anche da me andava alla grande la madonna, e guarda caso era sempre la stessa bambina bionda ad impersonarla.
    Io ero ancora più sfigata, per qualche anno mi sono toccate le parti della voce narrante, ovviamente non mascherata :(

    Ma l'apice l'ho raggiunto alle medie, quando mi hanno fatto vestire da cozza!!!

    (ma lo sai che quasi quasi ci scrivo un post?)

    E la bionda, da cosa si vuole vestire?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahahahaha ma come da cozza?????? Oddio muoio.
      Le audizioni per essere la Madonna sono truccate, ormai è ufficiale....
      La Bionda vuole l'abito da Trilly, lo stesso dell'anno scorso e di due anni fa, regalo dagli USA taglia 5 anni quindi direi che se gli anni scorsi sembrava una poverella, questa volta dovrebbe andarle bene. Mi è andata grassa và, niente ricerca disperata di nuovi mirabolanti travestimenti!
      Scordatela, la foto di me vestita da Maria Antonietta!!! E' super top secret, altro che terzo segreto di Fatima!!!
      Ti prego scrivici un post sui tuoi travestimenti! :-)

      Elimina
  5. Ero una cozza, bruttissima peraltro!!
    Il tema del carro era l'inquinamento del mare e siccome la città in cui sono cresciuta è famosa per le cozze, qualche geniale professore ha pensato questa furbata. ma perchè proprio io? Ero destinata a ben altro!!
    Alla fine ci ho scritto un post, non potevo permettere che un evento così infamante cadesse nell'oblio :)

    L'abito di Trilly è stupendo, ha anche le ali! La Bionda è molto, molto fortunata!

    ma lo sai che mia madre ieri mi ha ricordato che anche io sono stata vestita da maria antonietta, con parrucca biona cotonata e boccolosa, abito rosa laminato e rossetto rosso sbavato fino alle orecchie? se ti faccio vedere la mia foto tu mi fai vedere la tua?
    daaaaaiii (muta come un pesce sarò ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo!!!! Anche tu da Maria Antonietta? Per me era tutta colpa di Lady Oscar!!! Ok, ci sto a questa condivisione di disgrazie!! La recupero poi ce le mandiamo via email, dài!
      Hahahahahahahahaha. MUOIO.

      Elimina
  6. Ahahah mi hai fatta morire dal ridere! Ecco, siamo tutte traumatizzate dal carnevale!!! però devo confessarti una cosa...io a Natale un anno ho fatto la Madonna nel presepe vivente!!! a 16 anni, con tanto di bambino vero (e urlante) in braccio. credo - anzi, sono sicura - che sia stata l'unica volta in cui ho tenuto in braccio un neonato prima di Guia.
    Comunque in quell'epoca ero la preferita della catechista, quindi sì, i sorteggi erano truccati, confermo. :D

    RispondiElimina
  7. Hai fatto la Madonna???? Nel presepe vivente???? Ma allora eri una VIP!!! Hahahaha!!! Oddio che invidia neraaaaaa!!! :-)))

    RispondiElimina