giovedì 6 dicembre 2012

andrà tutto bene

Lui è amico e paziente del mitico dott. W, l'agopunturista. Mi ci ha mandato proprio lui, perchè ci sono casi troppo acuti per mia tecnica, io ha bisogno di supporto. Tu ora va da osteopata, dott.P.
Il dott.P è alto e dinoccolato, un misto fra papà Gambalunga e Pinocchio. Indossa sempre i jeans e una camicia a righe sottili decisamente fuori moda. Non ride mai e ha le mani fredde. Radio 24 in filodiffusione fa da sottofondo alla sua voce. Ci sono moltissimi attestati e riconoscimenti appesi al muro, potrebbero essere assolutamente falsi ma non importa, infondono sempre una certa sicurezza. Mi ha subito promesso che con tre sedute la mia ernia e tutto ciò che ne consegue non mi avrebbero più dato fastidio. Non puoi correre, la corsa è un veleno per la schiena, ricordatelo. E nemmeno saltare. Nè sollevare pesi. Mai.
Mi ha fatta sdraiare, sentirai male, ha detto.
Ha iniziato a premere fortissimo nei punti critici.
Il respiro si farà corto ma non importa.
No, qui il respiro non c'è proprio, ho detto io.
Ha accennato un sorriso.
Premeva sempre di più all'altezza del taglio dell'appendicectomia. E in alto, sullo stomaco. Meno male che non avevo fatto colazione, perchè stavo per vomitare. Poi dietro, in corrispondenza dell'ernia. 
I casi erano tre: o mi mettevo a piangere, o gli tiravo un calcio, o recitavo un corollario di imprecazioni di vario genere, in silenzio. Ho scelto quest'ultimo.
Ho finito. Alzati lentamente perchè potrebbe girarti la testa. Devi stare a riposo fino a domani.
Yoga dinamico. Devi fare yoga dinamico.
Io, che faccio yoga. Questa è una barzelletta, ma sarò brava e farò i compiti.
Ci provo, anzi, va bene, lo farò. Ho risposto.
Perfetto, ci rivediamo il 27. Tanti auguri di buon natale. E, andrà tutto bene, vedrai. Ha accennato un altro sorriso.
Sono uscita che mi sembrava di essere stata investita da un treno, avrei voluto andare a letto, completamente coperta col mio mega piumone. Anche la testa. Come al solito.
Invece dovevo lavorare.
Però.
Andrà tutto bene.


4 commenti:

  1. Io non soffro d'ernia ma ho un menisco fratturato e ogni volta che termino la fisioterapia mi fa un male cane. Mi dicono che e' meglio non operare, che e' meglio sopportare. Dicono...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hey ma perche' soffire quando potresti fartelo togliere? Fra ll'altro e' un intervento di routine e in giornata ti mandano a casa. Poi senza menisco puoi fare quello che ti pare senza limitazioni...sei anche giovane accidenti, io non ci penserei su due volte. E te lo dice una che si e' fatta ricostruire i legamenti del ginocchio dopo un incidente a sciare.

      Elimina
  2. All'appello anche io con i miei malanni (nevragia cronica). L'osteopatia con me ha funzionato, perlomeno ha alleviato i dolori, quindi abbi fiducia!

    baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh bene amica, della serie mal comune mezzo gaudio....siamo proprio da rottamare... ;-)))

      Elimina