sabato 6 ottobre 2012

luca vede roma

Non avevo ancora parlato dei bambini del terremoto. Li avevo visti, questo sì, nei campi. Con la coda dell'occhio, perché mi sembrava che perfino uno sguardo diretto potesse turbarli. Avevo letto di loro, nei giornali. Avevo letto di mamme e papà e di paure e fughe, con un nodo allo stomaco.
Quando Antonio di Shoot4Change mi ha chiesto di scrivere di loro, ho pensato fosse giunto davvero il momento di andare e trovare le parole giuste, per nessuna ragione mi sarei tirata indietro. 
Ecco qui il mio racconto e le mie foto, dopo una mattinata passata nel complesso scolastico di San Possidonio.

N.b. tutti i genitori dei bimbi presenti e riconoscibili in questo servizio hanno firmato le liberatorie per la pubblicazione delle fotografie.


1 commento:

  1. Se passi da me, c'è una sopresa per te!!

    RispondiElimina