martedì 27 marzo 2012

zigulì


Solo i pensieri di un uomo. Di un padre. Una storia raccontata attraverso spicchi di una vita difficile, con un figlio difficile, disabile da quando aveva un mese di vita. È un libro bellissimo, crudo ma bellissimo, che si consuma in una sera. Non è necessario essere genitori per leggerlo perché questa è la storia di un uomo davanti a una montagna. È la storia di un uomo davanti a una montagna impossibile da scalare. È la storia di un uomo che un giorno si arrende e rimane ai suoi piedi, la guarda pensando hai vinto tu. È la storia di un uomo che poi, il giorno dopo, si accontenta di arrivare almeno alla fine del primo sentiero di 3 km. Per sentirla sua, per esserne parte. E da lì non vorrebbe mai andarsene. Vorrebbe farsi cullare da tutta quella meraviglia nascosta, chiudere gli occhi e immaginarsi già lassù per dirle finalmente ce l’ho fatta. Tu sei mia. E io sono tuo. Per sempre. Non tutte le storie hanno un lieto fine. Però. C’è un però. Una giornata in Val Canè. Lui e il figlio, insieme. Il padre che spinge il passeggino sulla neve. La strada diventa difficile da percorrere, allora che si fa? Lo si carica sulle spalle e si procede. Nel silenzio assordante che solo la montagna può regalarti. Il rumore dei passi pesanti e affaticati che avanzano. Ed ecco che la magia accade. Quel giorno, la vetta era davvero vicina.  Inarrivabile, forse. Ma vicina.
“Ho imparato che ognuno vuole vivere sulla cima della montagna senza sapere che la vera felicità sta nel come questa montagna è stata scalata”. Io amo pensarli così. Con questa frase di García Márquez. Pensarli. Perchè le parole in certi casi sono davvero superflue.



4 commenti:

  1. Ne ho sentito parlare e ne ho letto le recensioni. Sai che io non ho ancora avuto il coraggio, la forza di leggerlo? Prima di avere i bimbi non avevo paura di niente, ora di tutto. Anche delle mie emozioni. Comunque mi faro' forza e lo leggero'. Grazie per questo tuo toccante ed emozionante post. Sai che sei proprio brava a scrivere?

    RispondiElimina
  2. Ma grazie a te, mi lusinghi :-)
    Leggilo, ne vale davvero la pena. http://www.youtube.com/watch?v=0Vy28ScJjkE qui l'intervista a Verga alle Invasioni Barbariche. :-)

    RispondiElimina
  3. Da qui non posso ma stasera da casa vado a vedere, grazie per il consiglio!

    RispondiElimina
  4. questo sarà il mio prossimo libro ;)

    RispondiElimina