venerdì 16 dicembre 2011

frullatore


Ciao ciao un bacio, certo che oggi è proprio una bella giornata siamo fortunati così i bimbi possono giocare fuori. Non so se prendere primo e secondo o solo il primo poi il dolce. O primo, secondo e dolce. Vieni qui, no non puoi avere caldo la canottiera non te la togli. Voi volete gli spaghetti? Spaghetti per i bimbi così facciamo prima. E niente volevo proprio andare a quel concerto ma sono finiti i biglietti, peccato. Anche lo gnocco con un po’ di affettati. Siediti a modo per piacere. Mamma mia quanta gente, staremo qui fino a domattina. No per ora fa solo piscina, dopo c’è una festa. Sì in piscina. Compleanno. Dio io piuttosto che portare mia figlia a una festa di compleanno in piscina faccio da bersaglio al tiro con l’arco. Ma i bambini che non sanno nuotare? Stanno a casa. Ah. No io non so come abbia fatto a perdonare quello che ha ucciso suo padre. Non ne sarei mica capace. Ma dai come si fa a sposarsi la vigilia di Natale? Oddio questa tagliata è troppa non ce la farò mai a finirla. Basta parlare di politica, mi viene da vomitare. Sì un attimo ora vi accompagno fuori che c’è lo scivolo. Mi prendi gli occhiali da sole per piacere? Dov’è la cuffia? Ma no dai non ci vuole. Bella quella giacca, non ne hai un’altra praticamente uguale? Che c’entra, avevo quattrini da spendere. Perché, in tasca ti bruciavano? Me lo dai un bacino? Dai non fare la tigna. Usa sempre lo shampoo alla camomilla così rimane bionda. Beh se non lo trovi puoi sciacquarle i capelli con la camomilla fatta in casa. In casa non abbiamo camomilla, per carità. Siamo tutti narcolettici. Oddio hai le labbra viola. È il vino, non sto per morire. Io quel film al cinema mi rifiuto di vederlo. Uh che belle scarpe. Ma non hai freddo senza calze? Macchè ci sono ben 15 gradi, ragazza. Il dolce! Ma lo avete ordinato senza dirci niente? Come va con la scuola? La prima gara è domenica prossima. Taci guarda che ora sto proprio bene, chissà se dura. Chi ha vinto? Quel paesaggio sembra finto. No, è finto. Beh allora questo dolce? Ma secondo te quella è incinta o ha la panza? Bella domanda. Pare molla quindi è ciccia. Caffè caffè, facciamoci portare il caffè che sennò ci addormentiamo di brutto. Hai la pipì? Sei sicuro? Minimo se la fa addosso, me lo sento. Hey è tardissimo! Siamo stati a tavola una vita. Andiamo a recuperare quei pazzi sullo scivolo. Dai che andiamo. Stasera siamo fuori a mangiare la pizza. E poi, lavanda gastrica al policlinico?

Qualcuno è sopravvissuto a un pranzo. Da qualche parte, nel mondo.

2 commenti:

  1. Anonimo5:17 PM

    :-@...immagino l'ansia, è venuta a me leggendo il racconto. Sagace, come sempre! Pollice alzato, numero 1. Continua così e, soprattutto, continua ad usare lo shampoo alla camomilla così rimane bionda...:-X Eli

    RispondiElimina