martedì 29 novembre 2011

E tu chi sei?


Mette 35 aghi su collo e schiena e se ne va. Mi lascia lì per mezz’ora senza cellulare né libri, perché tu ora rilassa e chiude occhi, no distrazioni. E io nel frattempo penso che accidenti metti che al cinese venga un coccolone e stramazzi al suolo, chi mi salva? No dico io sono qui con questi aghi profondi 4cm in corpo, fra nervi, quindi se faccio il minimo movimento ho come l’impressione che probabilmente rimarrei paralizzata. E poi mi ci vedo, che vago in mutande con la schiena piena di aghi tipo riccio, e scendo in strada chiedendo aiuto. Mammamia non voglio neanche pensarci. Io credo che almeno un pulsante di emergenza collegato col 113 dovrebbe metterlo sotto al lettino, oppure dotare i pazienti di un salvavita Beghelli con messaggio preregistrato “sono LucyVanPelt, venite a salvarmi. Sono bloccata da n ore sul lettino e sto iniziando a perdere sensibilità agli arti inferiori. Il cinese? Probabilmente giace riverso da qualche parte”.


Ad un certo punto sento che la porta si apre, mi toglie gli aghi, mi giro e…oh cristo il dott.W era dimagrito, con le sopracciglia perfette e una seconda di reggiseno. Meeerda. E tu chi cazzo sei? Qualificati! Sono dottolessa C., assistente di dottol W., non ci siamo mai incontlate in ambulatolio. Eh no, direi proprio di no, anche perché avete questa maledetta mania di parlare sottovoce che neanche alla messa del Papa, e poi quando camminate sembra abbiate le pattine sotto ai piedi (quasi quasi d’ora in poi vado con le ciabatte nella borsa).


E poi tu saresti dottoressa? Sì, secondo me i giorni pari stai in un cassetto come un Tamagotchi e quelli dispari nel sottoscala a cucire pigiami per l’Oviesse. Comunque va bene, tanto piacere e tanti saluti.


No no io ola ti faccio coppe.
Eeeeh? Cristo sta’ a vedere che adesso mi anestetizza con una mazzata in testa e mi risveglio con una sesta di reggiseno. Sono finita in una clinica clandestina, devo assolutamente avvisare Capitan Ventosa. Cosa vuol dire faccio coppe?


Metto coppette su tua schiena, con effetto ventosa male di schiena passa.
Sì e come fai per toglierle? Tiri all’infinito, così esco che sono peggio di uno Sharpey?


No io uso fuoco!
Ma tu sei scema. Ok dai, facciamo ‘sta pagliacciata così non ci pensiamo più.


Mentre prego tutti i santi di non finire nel reparto grandi ustionati, vedo che traffica con dei bicchieri che giuro li avrà presi coi punti dell'Esselunga a Natale dell'anno scorso. Li mette sulla schiena e li toglie con un accendino. Non so come ha fatto e non voglio neanche saperlo: io in quel momento ho chiuso gli occhi pensando che non avevo neanche fatto testamento e accidenti tutte le mie scarpe ora chi le metterà?


Finito. Ola ti puoi vestile. Vedlai, glande beneficio pel tua elnia.
Ma grazie. Ti amo, mondo. Sono ancora viva.


Sono uscita con la schiena a bolle. Però potrebbe funzionare e io me la tengo buona, la cinese. Che magari mi passa qualche pigiama sottobanco.

2 commenti:

  1. Mi hai fatto proprio sorridere! e oggi è il giorno del mio compleanno!!!

    RispondiElimina
  2. Ma dai! Ridere il giorno del proprio compleanno è sempre un gran regalo! Allora tanti auguri, sono ancora in tempo :-)

    RispondiElimina